P.to Potenza Picena, Via Duca degli Abruzzi, 48
347 7500879

 

Rimetti in moto il metabolismo

Cos’è il metabolismo?

Il metabolismo consiste in tutta quella serie di reazioni chimiche che avvengono nel nostro organismo  per trasformare il cibo introdotto con l’alimentazione in energia che permette a tutte le cellule del nostro corpo di funzionare  a dovere.

Il metabolismo complessivo è dato dal  metabolismo basale, che corrisponde a circa il 70% del nostro fabbisogno energetico e si può definire la quantità minima di energia richiesta per mantenere attive le nostre  funzioni  vitali, moltiplicato per un fattore strettamente dipendente dalle attività svolte nella giornata, dalla loro intensità, dalla termogenesi indotta dagli alimenti (anche la digestione necessita di energia) e dalla massa corporea di ognuno.

 

Il metabolismo  dipende da svariati fattori:

  • Età (diminuisce con il passare degli anni)
  • Sesso (i maschi presentano un metabolismo maggiore rispetto alle femmine)
  • Peso e altezza (ad una maggior superficie corporea corrisponde un aumento dell’attività metabolica)
  • Composizione corporea (la massa magra determina e definisce  i consumi energetici).

Può venire influenzato da:

  • Fattori di stress
  • Disordini ormonali (ipo o ipertiroidite, perimenopausa , insulino resistenza ecc…)
  • Uso di farmaci
  • Situazioni fisiologiche particolari come gravidanza o allattamento.

 

 

Vademecum per  riattivare un metabolismo lento

  1. Iniziare con una corretta e lenta masticazione, alla base per risolvere i principali problemi di aerofagia e meteorismo intestinali e fondamentale per  attivare il nervo vago.
  2. Cominciare  i pasti principali con verdure crude di stagione ricche di fibre e minerali antiossidanti.
  3. Bere almeno un litro e mezzo o due d’ acqua nell’arco della giornata  iniziando dal mattino appena svegli.
  4. Mantenere un apporto proteico ad ogni pasto che varia da 0,8 a 1,2 gr per kg di peso corporeo, prediligendo le proteine nobili contenute in uova, pesce e carne.
  5. Prediligere carboidrati complessi e integrali come il riso, il grano saraceno, il farro o la quinoa.
  6. Evitare di consumare qualsiasi tipo di carboidrato semplice o complesso che sia dopo il tramonto (quando si riduce l’attività metabolica).
  7. Consumare alimenti che attivano la funzionalità tiroidea, (salvo diversa indicazione medica) stimola il metabolismo (pesce azzurro, crostacei, pinoli, melagrana, spezie quali curcuma cannella e peperoncino, cipolla fresca cruda, rapa rossa grattugiata cruda e olive).
  8. Riposare almeno 7-8 ore per notte.
  9. Incrementare la massa magra e diminuire quella grassa praticando attività aerobica (preferibilmente al mattino) e anaerobica per un tempo di almeno 30 minuti tutti i giorni.
  10. Consumare 3 pasti principali e 1 o 2 spuntini attentamente bilanciati per evitare i picchi glicemici.

 

A cura della Dott.ssa Cinzia Montanari
specialista in nutrizione e trattamento funzionale degli alimenti

 

PRENOTA UNA VISITA ORA!

Post Correlati

Contattaci facilmente